Torna a contenuto principale
   

CONTATTI

Aiutiamo Francesca a camminare
2017
Alessandria

PROGETTO DI RACCOLTA FONDI
A FAVORE DELLA PICCOLA FRANCESCA
UNA BAMBINA DEL CONGO VENUTA IN ITALIA
PER INTERVENTO DI CHIRURGIA ORTOPEDICA
DI ALTISSIMA SPECIALIZZAZIONE
CON SUCCESSIVA APPLICAZIONE DI PROTESI
E ACCOLTA DA UNA FAMIGLIA DI ALESSANDRIA

Francesca è una bimba di quattro anni nata nella Repubblica Democratica del Congo con gravi malformazioni: arresto della crescita delle braccia al gomito, e con una gamba sola. Abbandonata al momento della nascita, è viva grazie alla Fondazione Pediatrica di Kimbondo – nella periferia tra le più povere e disagiate di Kinshasa – che l’ha accolta e curata nella propria struttura.
Francesca, grazie all’ottenimento del visto per cure mediche specialistiche non ancora possibili in Congo, nel mese di luglio 2016 è stata accompagnata in Italia dal padre missionario Hugo Rios Diaz, che 30 anni ha fondato la Pediatria di Kimbondo insieme a Laura Perna, una straordinaria dottoressa italiana scomparsa a settembre 2015 all’età di 96 anni. In Italia è stata accolta dalla nostra Fondazione che da oltre un decennio ci impegniamo a sostenere e sviluppare la struttura sanitaria e di accoglienza di Kimbondo.
Francesca, trasferita ad Alessandria, è affidata alle amorevoli cure di Ilaria Pernigotti, medico dell’Azienda Ospedaliera della città piemontese, che provvede ad ogni sua necessità, pratica e psicologica.
Grazie alle intense cure cui è sottoposta, ma soprattutto all’amore di Ilaria e della sua famiglia, Francesca ha fatto grandi progressi e ripreso fiducia nella vita. Ha imparato velocemente ad usare i tutori provvisori per le necessità quotidiane, ma anche per giocare e disegnare. E, trattandosi di una bimba dall’intelligenza vivissima, ha imparato presto e bene l’italiano.
La piccola è stata sottoposta ad esami radiologi e visite ortopediche (Ospedale Cesare Arrigo di Alessandria e Istituto Gaslini di Genova) ed il quadro emerso si è rivelato purtroppo ben più grave di quanto ipotizzato: l’unico arto presente (la gamba sinistra), pur essendo completo, presenta una grave e rara malformazione della porzione prossima a femore e anca. Su questo arto è possibile attuare una tecnica di ricostruzione, in modo che Francesca possa disporre di una gamba solida su cui poter caricare tutto il peso del corpo, in vista di una successiva applicazione di una protesi sull’arto mancante.
Dopo un’attenta analisi del suo caso da parte dell’equipe medica dell’ospedale Gaslini, è stato anche chiesto un consulto al Dott. Dror Paley (St. Mary’s Hospital, West Palm Beach – Florida), luminare di ortopedia a livello mondiale, il quale ha confermato la necessità di un intervento chirurgico per poter offrire alla piccola la speranza di riuscire a camminare con l’ausilio della protesi. Lo stesso Dott. Paley si è reso disponibile all’intervento presso l’Istituto Gaslini, indicativamente nel prossimo mese di Settembre. Lo stesso staff di ortopedia del Gaslini ritiene che solo lui, con la sua grande esperienza, possa portare a termine con successo un’operazione così difficile come quella necessaria per Francesca.
Il sogno di Francesca ha però un ostacolo che occorre superare: costa 60 mila dollari. Il Dr. Paley ha ben compreso la situazione di Francesca ed ha ridotto a meno di un terzo il suo onorario, infatti un’operazione identica negli Stati Uniti sarebbe costata oltre 200.000,00 US$.
L’intervento chirurgico sarà, però, solo l’inizio di un difficile percorso che la bimba dovrà affrontare. Oggi è presto per poter quantificare i costi complessivi di questo sostegno, ma certo non saranno inferiori ai 100 mila euro.
Insomma, occorre lo slancio di tante persone di buona volontà.
Francesca, siamo sicuri, ci metterà tutto l’impegno e la forza necessaria, ma noi dobbiamo sostenerla attraverso un aiuto economico.
L’Associazione “Un mondo di Amici Onlus” di Grosseto, che opera insieme a noi presso l’Ospedale Pediatrico di Kimbondo da oltre un decennio, e l’Associazione Aquero di Alessandria si stanno prodigando per aiutarci in questa raccolta fondi, ma c’è bisogno dell’impegno di tutti per centrare l’obiettivo.
In particolare, entro agosto dobbiamo raccogliere la somma necessaria per poter effettuare l’intervento: Francesca ci conta!!

Sappiate che le erogazioni a favore del progetto potranno usufruire dei benefici fiscali di legge, se effettuate con metodo tracciabile (non in contanti). Esse potranno essere inviate ai seguenti conti correnti intestati a
Fondazione InSé Onlus con la causale “Per Francesca Amica Mia”:
- Banca Monte Paschi Siena IBAN IT50A0103003200000005959596
- C/C BancoPosta IBAN IT42U0760103200000010202000

 



Sarà un percorso lungo e difficile, ma il sorriso e la voglia di vivere di Francesca, che ha nella testa e nel cuore ciò che la natura le ha tolto nel fisico, ci ripagherà per quanto potremo fare insieme. Contiamo su di voi!!

 

Grazie di cuore

Iole Sacchi Cisnetto
Presidente Fondazione InSé Onlus

 

RASSEGNA STAMPA



Galleria Fotografica:

© 2010 Fondazione InSé Onlus | C.F. 97579590585